VINITALY 2019: COME PROMUOVERSI NEL MONDO DEL VINO  

Manca ormai sempre meno alla 53° edizione del Vinitaly. Il Salone del Vino e dei Distillati torna infatti a Verona questa domenica 7 aprile e terminerà il 10 aprile, ospitando 4600 aziende vinicole (130 in più dallo scorso anno) e coinvolgendo 35 paesi produttori.

 

Vinitaly 2019 - Come promuoversi nel mondo del vino

 

Un evento, quello del Vinitaly, che apre le porte a uno dei periodi più impegnativi a livello promozionale per tutti gli addetti ai lavori. In questa occasione le aziende che hanno lavorato bene durante l’anno raccoglieranno le proprie soddisfazioni in termini di riconoscibilità e successo, le altre prenderanno molti appunti su come migliorare le proprie performance per l’anno successivo.

Non illudiamoci, non esiste una formula magica né una cantina ideale da seguire come esempio. Ad ognuno il proprio campo, la propria identità, il proprio mercato e le proprie strategie. Per questo motivo il punto di partenza è sempre capire chi siamo e dove vogliamo andare.

Ma partiamo con calma, vediamo insieme come promuoversi nel mondo del vino: quali obiettivi possiamo perseguire e quali azioni intraprendere.

 

1. INDIVIDUA IL TUO MERCATO

A livello macro potresti trovarti in una di queste situazioni:

  • Se intendi sviluppare il tuo mercato a livello locale, riserva molta cura alle relazioni con il territorio, partecipando attivamente alle iniziative locali e sfruttando l’online marketing per sponsorizzare localmente la tua attività;
  • Se la tua intenzione è muoverti a livello nazionale non dimenticarti di abbinare alle operazioni di marketing tradizionali anche una strategia di web marketing multicanale che comunichi il tuo brand in maniera sinergica e coerente;
  • Se il tuo obiettivo primario è invece quello di sviluppare il mercato estero, la tua comunicazione deve essere impeccabile e devi pensare di legare fortemente le tue attività online con quelle offline, con una strategia che non lascia nulla al caso.

Individuata la tua macro-area cerca di trovare la tua nicchia, solo così potrai allineare il tuo stile comunicativo al tuo mercato di riferimento. Se vuoi approfondire qui ti spiego come fare.

 

2. INDIVIDUA IL TUO TARGET

Chi è il tuo cliente ideale? Ricordati che parlare a tutti è come parlare con nessuno. Viviamo iper-connessi, bombardati da informazioni di ogni tipo, ogni minuto. Per questo è necessario conoscere a fondo il nostro target, per essere in grado nel momento giusto di attirare la sua attenzione con i contenuti giusti e con lo stile comunicativo più adatto a lui.

 

3. QUALI AZIONI INTRAPRENDERE?

Dal marketing tradizionale a quello online le idee da poter utilizzare sono moltissime, ma vanno sempre calate nella propria nicchia di riferimento.

  • Potresti pensare di far assaggiare i tuoi vini a un sommelier che scrive su una determinata rivista o portale tematico specializzato sul vino;
  • Acquistare pubblicità a pagamento su siti di settore o su motori di ricerca (adwords)
  • Creare una strategia molto forte di content marketing, con contenuti di valore da offrire ai tuoi utenti sul tuo sito internet lavorando con la seo (posizionamento sui motori di ricerca)
  • Utilizzare marketplace come (Amazon, Tannico, Enosocial, ecc.) per aumentare le vendite della tua cantina;
  • Sfruttare il potere dei social network per incuriosire gli utenti sul tuo prodotto o servizio, studiando un piano editoriale che metta in risalto le tue differenze rispetto ai competitor (qui ti spiego come spiare la concorrenza su facebook);
  • Sponsorizzazioni sui social network per far arrivare il tuo messaggio a più persone in target possibili;
  • Se la tua produzione lo permette puoi pensare di creare un e-commerce dove acquistare direttamente
  • Potresti anche pensare di creare delle bottiglie o dei pack personalizzati.

Come vedi le idee non mancano, tuttavia ricordati sempre che non sarà una sola di queste azioni a fare la differenza per il tuo business ma, la combinazione di più attività su più canali.

 

4. DIFFERENZIATI!

Costruire il proprio piano d’attacco offline e online è sempre buona cosa, soprattutto quando questo ci permette di analizzare a fondo il settore nel quale vogliamo avere successo. In questo l’analisi dei competitor ci offre spunti interessanti sul come potremmo muoverci ma attenzione a non diventare schiavi delle strategie altrui, soprattutto se non trovano fondamento nella nostra identità aziendale!

A tal proposito puoi dare un’occhiata a questo articolo dove ti mostro 10 modi per aggiungere valore al tuo business e farlo emergere dalla massa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *